437 giorni di psicoanalisi. Giorno 27 – Me stesso

Di che cosa ho paura?
Domanda banale dottore. Ma nel mio caso si stupirà e troverà la risposta interessante. Le dico questo perché non so quante volte le è capitato di sentirsi rispondere così. Perché io credo di aver paura di quello che conosco. Sì lo so, molti temono ciò che non conoscono: gli altri, il domani, la morte. Io no. Io ho paura della mia famiglia, del passato, della vita. Di soffrire sempre per le stesse cose. Di rivivere continuamente i dolori noti, le conseguenze delle medesime ansie. E la sa una cosa? Sono stanco. Perché quando hai paura dell’ignoto non sai esattamente cosa ti aspetta, quando quell’ignoto lo affronti. Quando hai paura di cose che conosci bene, sai esattamente cosa ti aspetta. Con un margine d’errore millimetrico. Al centimetro, to’. Può beccarti in pieno petto, o un po’ più in basso alla bocca dello stomaco, o al massimo in pancia. Ma ti becca, eccome se ti becca. E sai che soffrirai, eccome se soffrirai. E allora mi chiedo: ma sono costretto a commettere sempre gli stessi errori? A infliggermi le frustate che riaprono sempre le stesse, identiche ferite? E allora sì, ha capito bene dottore. Ho paura di me stesso, sopra ogni altra cosa. Di me stesso.

Un pensiero su “437 giorni di psicoanalisi. Giorno 27 – Me stesso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...